DIARIO AIAM 2011

 

Nel diario 2011 che trovate di seguito, la Presidente A.I.A.M, prof.ssa Gisella Belgeri, comunica a tutti i soci dettagliatamente l’attività operativa dell’A.I.A.M nello scorso anno 2011  e trasmette i migliori auguri di un felice e proficuo 2011.

 

AIAM - Associazione Italiana Attività Musicali

DIARIO 2011

 

Carissimi soci,
nell’augurare a ciascuno di voi un buon lavoro per questo nuovo anno, che si preannuncia non facile per il nostro
Paese e per le attività musicali, mi è sembrato opportuno inviarvi questo piccolo diario che, sommariamente,
sintetizza quanto svolto dall’AIAM nel 2011.
Il 18 gennaio l'anno si apre con un incontro presso il MIBAC del Consiglio Direttivo AIAM con il dirigente
musica dr. Enrico Graziano, assistito dalla dr.ssa Carmelina Miranda nel corso del quale i rappresentanti
ministeriali hanno ribadito la disponibilità a interloquire con la nostra associazione auspicando un rinnovato
rapporto tra ente erogatore di risorse e attività produttive e distributive della musica. Gi argomenti trattati hanno
riguardato i TAGLI AL FUS, i quesiti relativi alla SCADENZA delle DOMANDE DI RICHIESTA
CONTRIBUTI, le riunioni delle COMMISSIONI e le ANTICIPAZIONI, la COMUNICAZIONE DEL
CONTRIBUTO ASSEGNATO con le percentuali di abbattimento, le nuove potenzialità per illustrare il
PROGRAMMA sul sito, ma anche delucidazioni e richieste in merito ai CONCERTI PER LE SCUOLE, alle
COPRODUZIONI ed al nuovo REGOLAMENTO in via di stesura.
Dalla riunione è anche emersa la necessità che il mondo della musica classica riesca a far emergere i numeri
relativi alla massa dei lavoratori occupati a vario titolo in tutti i settori del Titolo Terzo in maniera tale che la
politica acquisisca la consapevolezza che il mancato finanziamento del settore produce non soltanto un
impoverimento culturale ma una concreta perdita di un importante numero di posti di lavoro nel mondo dello
spettacolo dal vivo che non può esser rapportato solo alle masse delle Fondazioni Liriche.
Il 19 gennaio l’AIAM partecipa alla Conferenza indetta a Roma dalla Federazione Nazionale della Stampa
(presieduta da Stefano Rodotà) in quanto ente rappresentativo di un comparto culturale di importanza nazionale
nell’ambito delle iniziative promosse dal Comitato per la libertà, il diritto all’informazione, alla cultura e allo
spettacolo articolate in 7 giorni di mobilitazione per salvare l’informazione, lo spettacolo, la scuola, l’università
e la ricerca. Gisella Belgeri ha l'incarico della relazione per la musica.
Sempre nel mese di gennaio, grazie anche al forte intervento dell'AIAM, è scattata la proroga relativa alla
questione dei buttafuori.
Il 1 marzo, tutte le organizzazioni sindacali e imprenditoriali che compongono la Consulta per lo Spettacolo,
hanno deciso di non partecipare ai lavori di ripartizione del FUS presso il Ministero dei Beni Culturali. La forma
di protesta, attuata per la prima volta, sottolinea la volontà di lavoratori e operatori di non accettare i diktat del
Governo e di continuare a battersi per i propri diritti e, naturalmente, AIAM ha espresso in quella occasione
l’indispensabilità del ripristino del FUS.
Il 9 marzo AIAM ha partecipato alla riunione sulla SIAE, rappresentata dai soci Teresa Azzaro e Gianni
Antonioni.
L'11 marzo l'AIAM prende parte all'iniziativa Musica Negata per un appello al Presidente Napolitano, lanciata
dalla Federazione Cemat e collabora fattivamente alla sua realizzazione.
Il 16 marzo contiamo oltre 3500 adesioni all'appello inviato a Napolitano (azione Cemat-AIAM) dove
qualificati artisti, responsabili dell’organizzazione, delle programmazioni, della stampa e delle strutture tecniche
pongono il problema, ancora una volta del ruolo e dell’importanza del lavoro musicale. Della lettera indirizzata a
Napolitano, trasmessa da chi lavora nella musica, abbiamo avuto un forte riscontro di attenzione; dal Quirinale ci
hanno informato che il Presidente ha visto personalmente la rassegna stampa, conosce le problematiche del
nostro settore ed assicura la sua vigile attenzione unita alla volontà di perorare a giusto titolo le cause messe sul
AIAM - Associazione Italiana Attività Musicali
Via Boezio 33 – 00193 Roma - tel. +39 06 68309536
www.musicaclassica-aiam.org - mail segreteria@musicaclassica-aiam.org
tavolo dalla musica. Un bel segnale, importante, che ha anticipato la straordinaria mossa di Muti/Tremonti nel
ribadire il fatto che con la cultura si mangia anche, in definitiva.
Il 23 marzo, a seguito della mobilitazione del settore, il Consiglio dei Ministri reintegra il Fondo unico per lo
spettacolo a 428 milioni di euro.
AIAM riceve parecchie attestazioni di gratitudine e di felicitazioni per l'impegno e la tenacia dimostrate.
La mobilitazione degli intellettuali, dei musicisti e dei lavoratori dello Spettacolo ha certo contribuito non poco a
questo importante risultato che, in ogni caso, consideriamo non un punto d'arrivo ma, al contrario, un punto per
un nuovo inizio di attenzione nei confronti della cultura tutta ed in particolare del nostro mondo della musica
classica.
Il 14 aprile viene comunicato all'AIAM il risultato della riunione della Consulta per i problemi dello spettacolo
con all'ordine del giorno lo spacchettamento del FUS. Il mondo della musica registra una novità estremamente
positiva in quanto il settore passa dall'aliquota 2010 del 13,7416 (pari ad un importo di € 55.168.419,68)
all'aliquota 14,1000 (pari ad un importo di € 57.473.010,00). Le attività musicali registrano, dunque, -
rispetto all'anno scorso - un incremento di € 2.304.590,32. Infine, AIAM registra, con soddisfazione, che,
anche per il 2011, anche su propria proposta, si è riusciti ad evitare la richiesta di fidejussione per l'acconto.
Il 27 aprile si è svolta nella sede di Santa Marta a Roma la Conferenza stampa indetta da Abbracciamo la
Cultura dove il Movem (a cui aderiamo) ha illustrato le proposte per il Ministro. Per la musica era stata delegata
a stilare il documento Gisella Belgeri. Moderatore Santo Della Volpe. Nel corso dell’iniziativa, dove erano
presenti oltre a vari esponenti e responsabili della cultura di diversi partiti, giornalisti ed agenzie di stampa, sono
stati illustrati i documenti e quello sulla musica ha ricevuto una unanime adesione anche per il forte richiamo ad
esigenze di discontinuità e al ribadire la necessità di piena attenzione alle associazioni e agli artisti. Sono
pervenute 26 qualificate dichiarazioni di artisti che sono state molto apprezzate anche dagli altri comparti (prosa,
scrittori, danza, cinema, esponenti della stampa, drammaturghi) .
Il 27 aprile AIAM divulga la circolare relativa alle anticipazioni 2011.
Il 10 maggio AIAM trasmette nota a seguito del “decreto buttafuori” ed alle conseguenze positive sulle nostre
attività, derivanti dalla sua applicazione.
Il 12 maggio il Parlamento europeo, in seduta plenaria a Strasburgo, approva il rapporto - del quale è stata
relatrice ombra Silvia Costa per il gruppo S&D - che ha lo scopo di sbloccare il potenziale delle aziende culturali
e creative. Sul tema AIAM aveva partecipato, sul finire dello scorso anno, all'incontro seminariale di Roma
durante il quale erano stati messi a fuoco quegli aspetti poi oggetto dei numerosi emendamenti che a nome di
S&D sono stati presentati e portati all’approvazione.
Il 26 maggio su richiesta della nostra Maddalena Da Lisca, per un contenzioso riguardante i diritti SIAE,
l'AIAM ha emanato un circostanziato documento, inviato a molteplici referenti della SIAE stessa e per l'uso
eventuale da parte degli stessi soci.
Il 6 giugno, su richiesta del nostro vicepresidente Giovanni Antonioni, AIAM ha provveduto a sollecitare un
ripensamento da parte del Ministero, relativamente alle attività di danza, riuscendo in parte a minimizzare i danni
di una interpretazione molto ristretta che escludeva dalla finanziabilità spettacoli di danza realizzati dalle
Associazioni concertistiche.
Il 7 giugno AIAM ha partecipato con il suo Vicepresidente Giovanni Antonioni all'incontro indetto dall'AIAC a
Bari a preparazione del Convegno Nazionale di settembre a Verona sul tema: Il futuro delle società
concertistiche.
AIAM - Associazione Italiana Attività Musicali
Via Boezio 33 – 00193 Roma - tel. +39 06 68309536
www.musicaclassica-aiam.org - mail segreteria@musicaclassica-aiam.org
Il 6 luglio grazie all'azione congiunta di tutte le organizzazioni dello spettacolo e del nostro impegno, il
Ministero dell'Interno, con decreto del 30 giugno 2011, ha modificato sostanzialmente il cosiddetto decreto
Buttafuori e ha disposto l'esclusione dagli effetti applicativi del DM 6 ottobre 2009 del personale dei teatri,
cinematografi, cinema-teatri, auditori e sale convegno, circhi ecc.
Il 14 ottobre si è svolto il Consiglio Direttivo dell’ AIAM per l’approfondimento e le richieste da avanzare in
merito alla promulgazione di un nuovo decreto che andrà a sostituire quello attualmente vigente. Sul piano della
vita associativa si delibera di richiedere per il 2011 una quota simbolica di 50 Euro, sollecitando però i soci
morosi a versare la quota 2010. La riduzione della quota per il 2011 è stata motivata dalle difficoltà del
momento.
Il Consiglio delega il Vice presidente Fumo a verificare l'eventualità di aprire una nuova e diversa adesione
all’Agis conservando al tempo stesso la propria e piena autonomia, così come avvenuto per il settore prosa con
Platea e con Voglia di Teatro.
Al fine d’inviare al ministero un documento condiviso, tutti i soci sono invitati ad esprimere le loro valutazioni
in merito alla bozza delle proposte AIAM per il nuovo decreto, loro trasmessa. Nello stesso si sottolineano
alcuni aspetti specifici tra cui la possibilità di aumentare la percentuale di riduzione del bilancio a consuntivo
nei casi di documentati tagli apportati dagli Enti Locali e la richiesta di inserimento fra i costi che compongono
la base quantitativa di altre voci significative per la loro incidenza, oltre ai compensi agli artisti ed i relativi oneri
sociali.
Il 2 novembre AIAM informa i soci circa la composizione della nuova Commissione Consultiva Musica i cui
Nuovi Componenti sono: Umberto SCARPETTA – ESPERTO, Antonino MARCELLINO – ESPERTO,
Antonio FRIGE' – ESPERTO, Vincenzo DE PAOLA – ESPERTO, Piero RATTALINO - ESPERTO LIRICA,
Marco TUTINO - ESPERTO LIRICA
In ottobre e novembre AIAM ha collaborato alla battaglia intrapresa dal socio AMA Calabria e dal suo
rappresentante Francesco Pollice ai fini di scongiurare il disinteresse del Comune alla vita della associazione con
conseguente taglio del contributo. E' stata impostata una forte campagna di sostegno attraverso interventi di
artisti, operatori musicali ed intellettuali che ha portato alle dimissioni dell'Assessore e al ripristino di un
proficuo dialogo con l’Amministrazione locale.
NUOVI SOCI
Hanno fatto richiesta di iscrizione e sono state accettate all'unanimità le seguenti associazioni:
Ass. Nuova Consonanza, Orchestra da Camera Ferruccio Busoni Trieste, Coop Art-Gli Sfaccendati di Roma
VITA ASSOCIATIVA
Nel corso dell'anno l’Aiam ha incontrato due volte il Dirigente del settore Musica del Dipartimento, dr Enrico
Graziano affrontando e discutendo i problemi del settore e chiedendo chiarimenti su quesiti relativi alle
difficoltà tecniche e gestionali ai quali si va incontro per le documentazioni consuntive. Sono state anche
occasioni per verificare l'andamento del FUS e delle iniziative via via intervenute.
ORGANIZZAZIONE
Dal punto di vista organizzativo è stata allestita presso il Cemat la sede dell'AIAM, con propria linea telefonica
(06 68309536) e targa di riferimento sul portone d'ingresso. Punto di riferimento, oltre a Carla Pappalardo, la
signora Maria Orfei.
Tramite l'incarico dato a Carlo Di Giugno si è proceduto ad ampliare e arricchire il sito AIAM aggiungendo
numerose nuove applicazioni, nuovi database e possibilità "friendly" di presenza dei soci per le loro
comunicazioni e i loro programmi calendarizzati. Sono state inviate le login e le password a tutti i soci AIAM.
E' stata aperta la pagina su Facebook e abbiamo provveduto a pubblicizzarla sul nostro sito con un LIKE BOX.
AIAM - Associazione Italiana Attività Musicali
Via Boezio 33 – 00193 Roma - tel. +39 06 68309536
www.musicaclassica-aiam.org - mail segreteria@musicaclassica-aiam.org
Il grafico Elena Marelli ha realizzato la carta da lettera, i loghi e manifesti; la gestione redazionale del sito è stata
affidata a Myriam Pulvirenti che credo ciascuno di voi abbia sentito per gli aggiornamenti e l'utilizzo del sito
stesso.
Colgo questa occasione per suggerire a ciascuno di voi di utilizzare costantemente il sito anche perchè ho il è
piacere di informarvi che le visite sono frequenti e che sappiamo che il Ministero se ne avvale per propria
informazione sull'andamento concertistico. Come avrete certo osservato, recentemente è stato aggiunto un
utilissimo calendario dei concerti di tutti gli associati che sono invitati ad aggiornarlo direttamente.
Nel concludere questo diario, desidero ringraziare in modo particolare i componenti del Consiglio Direttivo, del
Collegio dei Revisori e quanti hanno collaborato con impegno alle attività del 2011, citando per tutti Francesco
Pollice per la puntualità nel tenere i rapporti con tutti noi.
Auguro a tutti un anno pieno di successi e di musica.

Il Presidente
Gisella Belgeri
Roma 18 gennaio 2011

Utility

Newsletter

invia

Inviando acconsento al trattamento dei miei dati personali
(ai sensi della legge 675/96 e succ. modif.)