Ente Morale Assoc. "A.Scarlatti"
resp. Prof. Lucio Sicca
Piazza dei Martiri, 58
80121 - Napoli (NA)

tel +39.081.406011
fax +39.081.405637
mail info@associazionescarlatti.it
web www.associazionescarlatti.it

L’ Associazione Alessandro Scarlatti - Ente Morale, fondata nel 1918 da nomi illustri della cultura napoletana quali Emilia Gubitosi, Matilde Serao  e Salvatore di Giacomo, è una tra le più antiche associazioni culturali della nostra città. Eretta ad Ente Morale in virtù del decreto del Presidente della Repubblica 27 marzo 1948, n. 684, iscritta all’Albo delle “Istituzioni di Alta Cultura” della Regione Campania ai sensi della L.R. n.7/2003, l’Associazione, che non ha fine di lucro ed è a tempo indeterminato, ha per scopo la diffusione dell’arte e della cultura musicale nelle sue molteplici forme e nel solco della grande tradizione napoletana.

A tal fine, ai sensi dei Statuto, organizza - anche in collaborazione con altri enti – concerti e spettacoli, programmi di formazione musicale, conferenze, seminari, dibattiti, premi, borse di studio, pubblicazioni ed ogni altra attività ed iniziativa utile per il perseguimento degli scopi istituzionali.

La funzione della Scarlatti ma è di radicare la organizzazione di eventi musicali in un contesto di approfondimento culturale che ne possa ampliare e chiarire il significato  di scelta non casuale, ma ragionata e ramificata in vari ambiti.

In questa prospettiva la Scarlatti da anni ha istituito rapporti di collaborazione con alcuni tra i più importanti istituti culturali della città: la Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Napoletano; l’Istituto Banco di Napoli – Archivio Storico; il Conservatorio S. Pietro a Majella; l’Università di Napoli Federico II tanto per ricordare i principali.

Pertanto, le attività dell’Associazione si sono andate con gli anni ampliando in diverse direzioni, sempre improntate in un’ottica di “progetto” che consente di agire per movimenti concentrici in cui  il momento musicale, che rimane al centro, si ampli in ambiti sempre più vasti di approfondimento e  toccando fasce di utenza sempre più vaste: si va quindi dalla formazione dei futuri musicisti da una parte e del pubblico – soprattutto giovane -  dall’altra, alla collaborazione con i più importanti agenti culturali presenti sul territorio, allo studio e alla cura del patrimonio di strumenti musicali di cui è così ricca la nostra Regione, alla commissione e realizzazione di opere prime di compositori giovani (soprattutto, ma non solo, napoletani) allo studio e alla divulgazione della storia della nostra Regione attraverso l’approfondimento della vita musicale.

Utility

Newsletter

invia

Inviando acconsento al trattamento dei miei dati personali
(ai sensi della legge 675/96 e succ. modif.)