Associazione Bologna Festival
resp.
Via delle Lame, 58
40122 - Bologna (BO)

tel +39.051.6493397
fax +39.051.5280098
mail info@bolognafestival.it
web www.bolognafestival.it
In trent’anni di attività l’Associazione Bologna Festival si è sempre distinta per il rigore culturale della sua programmazione, scegliendo i suoi artisti nel mondo del grande concertismo internazionale. Per ogni programma vengono cercati gli interpreti più idonei e le prassi esecutive più fedeli per i repertori proposti. Negli anni il festival ha arricchito la proposta concertistica: alla tradizionale rassegna di primavera “Grandi Interpreti”, dedicata al grande repertorio classico-romantico, si è aggiunta la rassegna cameristica “Talenti”, uno spazio aperto alle giovani promesse del concertismo europeo, e la rassegna d’autunno “Il Nuovo L’Antico” che accosta la musica antica, sempre proposta in esecuzioni filologiche, con la musica contemporanea e quella del Novecento.
 
La prima edizione di Bologna Festival risale al 1982 e sin dagli esordi l’Associazione si è caratterizzata come una realtà sostenuta principalmente dal finanziamento dei privati. Le sovvenzioni pubbliche, provenienti da Ministero dei Beni Culturali, Regione Emilia-Romagna e Comune di Bologna, rappresentano circa il 25% del bilancio complessivo. Dalla presidenza di Gian Paolo Testa e poi di Mario Cagli, alla guida dell'Associazione si sono susseguiti Diana Infante Cagli, Giuseppe Gazzoni Frascara e l’attuale presidente Federico Stame, ciascuno portando un proprio specifico contributo, ma conservando intatto lo spirito e il significato culturale del progetto originario. La direzione artistica del festival per un decennio è stata affidata a Lino Britto, le cui programmazioni hanno puntato soprattutto alla realizzazione di festival monografici. Diversa la direzione scelta dal suo successore, Mario Messinis, che ha ampliato gli interessi musicali del festival oltre il repertorio più consueto del Settecento-Ottocento, prestando attenzione sia alla musica antica che alle tendenze più avanzate della musica contemporanea con specifici progetti. Dal 2007 la figura del direttore artistico è affiancata da quella del direttore generale, Maddalena da Lisca.

Da sei anni l’attività dell’associazione si rivolge anche al pubblico dei più giovani, con due specifici progetti: Baby BoFe’ festival di musica classica per bambini e Note sul Registro progetto di formazione all’ascolto della musica classica per le scuole materne, elementari , medie e superiori, iniziative che ogni anno coinvolgono un pubblico di circa 12.000 ragazzi.

Utility

Newsletter

invia

Inviando acconsento al trattamento dei miei dati personali
(ai sensi della legge 675/96 e succ. modif.)