Versione 20 maggio 1999

ESTRATTI DALLO STATUTO
 

ART.2 - Scopi Sociali

  1.  L’A.I.A.M. si propone di contribuire alla tutela, allo sviluppo ed al sostegno delle attività musicali, quali essenziali manifestazioni dei valori cultuali e spirituali della persona umana, riconosciute e garantite come principi fondamentali, dal diritto comunitario, costituzionale e da quello delle autonomie locali.
  2. Dal punto di vista istituzionale, pertanto, l’A.I.A.M. persegue lo scopo di coordinare, rappresentare e tutelare in ogni sede le associazioni musicali di riconosciuto livello professionale, ponendosi nei loro confronti quale centro di servizi, di scambi e progetti culturali, a supporto dello loro esigenze.
  3. Nell’ambito delle finalità fondamentali ed esclusa ogni finalità di lucro e con carattere di assoluta apoliticità, l’associazione potrà, tra l’altro:
  1.  promuovere, attuare e concorrete alla realizzazione di iniziative che tendano favorire l’incremento, il miglioramento e il coordinamento della attività musicali rappresentate;
  2.  esaminare i problemi culturali, economici e sociali nonché giuridici e legislativi, relativi alle attività rappresentate per indicare le possibili soluzioni, mediante proposte rivolte sia all’interno della Associazione, sia nei rapporti con terzi, soggetti pubblici e privati;
  3. realizzare e gestire, anche tramite convenzioni con terzi, corsi, convegni, manifestazioni straordinarie, nonché promuovere pubblicazioni ed iniziative tese ad una maggiore diffusione della cultura musicale;
  4. procedere alla stipulazione di contratti collettivi di lavoro e di accordi che interessino le attività rappresentate;
  5. raccogliere, elaborare e, se necessario, diffondere dati relativi alle attività musicali rappresentate;
  6. provvedere a tutte quelle altre iniziative ed incombenze che venissero ad essa eventualmente attribuite per legge o altre norme giuridiche.

Art.4 - Durata

  1. L’A.I.A.M. ha durata illimitata.

Art. 5 - Soci e categorie di soci

  1.  All’A.I.A.M. possono partecipare ed essere iscritte le persone giuridiche di diritto pubblico e privato, con o senza personalità giuridica, che esercitano un’attività musicale di riconosciuto livello culturale e scientifico, i cui intenti ed azione siano conformi alla finalità generali di cui all’art. 2 del presente statuto.
  2.  Fanno parte di diritto dell’A.I.A.M. gli associati A.I.A.C.

Possono aderire all’A.I.A.M. le istituzioni senza fini di lucro che rappresentano i diversi soggetti operanti nel mondo musicale italiano ed in particolare:

  1. le associazioni concertistiche;
  2.  i Festival musicali di carattere internazionale e nazionale;
  3.  le fondazioni musicali e le orchestre legalmente costituita la cui attività sia di alto livello culturale;
  4.  gli istituti di ricerca e documentazione;
  5.  le scuole di musica;
  6. i concorsi di musica, i corsi, sia privati che pubblici la cui attività si ispiri a favorire la diffusione dell’istruzione musicale e la formazione professionale degli operatori musicali;
  7.  i complessi vocali e/o strumentali di alto livello formalmente costituiti che svolgono una rilevante attività per conto terzi;
  8.  le associazioni di tecnici musicali, liutai, restauratori e di organologi;
  9. le associazioni di soggetti che svolgono, in via permanente, attività di diffusione della musica attraverso esecuzioni, conferenze, guide all’ascolto, etc.

Art. 8 - Domanda di ammissione a socio

  1. La domanda di ammissione è rivolta al Consiglio direttivo che ne dovrà valutare, sulla base di un’ampia ed esaustiva documentazione, l’attività svolta e se questa risponde alle finalità dell’A.I.A.M.
  2.  La domanda di ammissione potrà essere accettata o respinta senza obbligo di motivazione. La delibera del Consiglio Direttivo è inappellabile.
  3. L’ammissione a socio comporta l’accettazione di tutte le norme del presente statuto e dei deliberati degli organismi statutari, nonché l’obbligo del pagamento  della quota associativa secondo le modalità e i tempi stabiliti.
  4.  L’ammissione all’Associazione ha la durata di un biennio e si intende tacitamente rinnovata se non viene disdetta dall’associato con lettera raccomandata almeno tre mesi prima di ogni scadenza.

Art. 10 - Organi

  1. Sono organi dell’Associazione:
  1. il Presidente;
  2. i due Vice Presidenti;
  3. l’Assemblea dei Soci;
  4. il Consiglio direttivo;
  5. il Collegio dei revisori dei conti.

Art. 11 - Assemblea 

  1. L’Assemblea dei soci è costituita da tutti gli associati, i quali vi partecipano a mezzo dei loro legali rappresentanti o di loro delegati muniti di delega scritta.
  2. Ciascun associato, attraverso il proprio rappresentante, non può essere portatore di più di due deleghe. I soci non possono partecipare all’assemblea, neanche per delega, se non sono in regola con i contributi associativi.

 Art. 12 - Assemblea

  1. Spetta all’assemblea ordinaria:
    1. eleggere il Presidente;
    2. eleggere il Consiglio direttivo;
    3. eleggere il Collegio dei Revisori dei conti;
    4.  deliberare gli indirizzi di carattere generale ed i programmi di massima ed attuativi riguardanti il perseguimento degli scopi statutari ed in generale l’attività dell’associazione;
    5. approvare il bilancio preventivo e il bilancio consuntivo dell’associazione;
    6. fissare le singole quote associative dovute dai soci;
    7. determinare l’ammontare degli eventuali gettoni di presenza spettanti al Consiglio direttivo;
    8. deliberare sugli acquisti immobiliari;
    9. deliberare su tutti gli atti che importino amministrazione straordinaria del patrimonio dell’associazione.
  2. L’Assemblea ha facoltà di costituire gruppi di lavoro distinti in relazione alle particolari caratteristiche istituzionali delle diverse attività svolte dai soci.
  3. L’Assemblea straordinaria delibera:
    1. sulle eventuali modifiche statutarie;
    2. sullo scioglimento dell’Associazione e la sua messa in liquidazione.

 Art. 14 - Assemblea – Presidenza

  1.  L’assemblea dei soci sarà presieduta dal Presidente dell’associazione; in caso di impedimento del Presidente, da uno dei due Vice Presidenti. In caso di impedimento del Presidente e dei due Vice Presidenti, l’assemblea nominerà il proprio Presidente.

Per le determinazioni assunte dall’Assemblea dovranno essere redatti i processi verbali che saranno trascritti su apposito libro. I verbali dovranno essere firmati dal Presidente dell’assemblea e dal segretario; i contenuti dei verbali così redatti e sottoscritti fanno piena fede.

Art. 18 - Consiglio direttivo: competenze

  1. 1.      Spetta al Consiglio direttivo:
  1. attuare i deliberati assembleari;
  2. curare il raggiungimento dei fini statutari in relazione agli interessi dei soci rappresentati;
  3. esercitare in caso di urgenza e necessità i poteri dell’Assemblea. Le deliberazioni così prese dovranno essere sottoposte per la ratifica dell’Assemblea dei soci nella sua prima seduta;
  4. compiere tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione, salvo quelli che non risultino espressamente demandati dal presente statuto o dalla legge all’assemblea dei soci;
  5. sottoporre all’Assemblea generarle dei soci le proposte di modifica dello statuto;
  6. autorizzare il Presidente a stare in giudizio e provvedere alla nomina dei difensori;
  7. esercitare ogni altra attribuzione non espressamente riservata dallo Statuto e dalla legge all’assemblea generale dei soci;
  8. eleggere i propri rappresentanti in seno agli organismi dove tale rappresentanza sia espressamente richiesta;
  9. eleggere al proprio interno i due Vicepresidenti, su indicazione del Presidente;
  10. proporre all’assemblea le quote associative;
  11. stabilire, sentito il parere del Collegio dei revisori dei conti, termini e modalità di corresponsione di indennità a favore del Presidente, o di chi ne fa le veci, per le funzioni svolte, nonché dei rimborsi spese per i componenti il Consiglio di presidenza. 


Il Collegio è composto da tre persone di cui due nominate dalle parti ed una dal Presidenza dell’Agis.   

Statuto approvato all’unanimità dell’assemblea AIAC riuntasi a Roma nella sede sociale presso l’Agis il 20 maggio 1999.

Utility

Newsletter

invia

Inviando acconsento al trattamento dei miei dati personali
(ai sensi della legge 675/96 e succ. modif.)