Novità

26.11.2020 | Streaming live dal Teatro Filarmonico in diretta

LA STAGIONE ARTISTICA AL FILARMONICO

E I CARMINA BURANA IN ARENA CON EZIO BOSSO

ON DEMAND SULLA WEBTV DI FONDAZIONE ARENA

Streaming live dal Teatro Filarmonico in diretta, anche per la TV locale TeleArena, e WebTV on demand con progetti a sostegno della cultura musicale italiana a partire dal 28 novembre con i Carmina Burana diretti da Ezio Bosso: la Fondazione Arena di Verona, consapevole del ruolo sociale e di creazione di identità culturale che ha la musica, potenzia ancora di più la sua presenza virtuale nelle case dei veronesi e degli italiani in attesa di poter tornare finalmente con il pubblico in presenza.

Ezio Bosso usava dire: “Un musicista non ha bisogno di mostrare il suo impegno politico, perché fare musica è in sé un atto produttivo e politico”. Questo principio di dovere civico sta alla base della scelta di Fondazione Arena di non abbandonare il proprio pubblico - locale, nazionale ed internazionale - dopo la chiusura forzata, potenziando al massimo il live streaming dal Teatro Filarmonico, che continua a produrre arte in stretto accordo con i complessi artistici, ma senza trascurare le tante categorie del proprio territorio che non hanno facile accesso al web, in primis ospedali, RSA, centri per gli anziani, strutture per disabili, carceri, ma anche scuole ed enti culturali – solo per citarne alcune – da cui l’accordo con il Gruppo Editoriale Athesis, per l’utilizzo anche della televisione tradizionale come cura per tutti i cittadini del veronese. Nasce così un’iniziativa, per ora unica in Italia e in Europa, con una serie di concerti che saranno trasmessi in chiaro sull’emittente TeleArena per dare la possibilità a tutti di godere della Musica e dell’Arte in una chiara ottica di vero servizio pubblico, grazie alla sensibilizzazione di realtà da sempre attente alla promozione della cultura, come Fondazione Cariverona, l’AULSS 9 Scaligera del Veneto, l’Assessorato alle Politiche sociali del Comune di Verona e Banco BPM, Sponsor Ufficiale della Stagione Artistica al Filarmonico da undici anni, i quali collaboreranno per la diffusione capillare nei luoghi più difficilmente raggiungibili.

Il 28 novembre alle ore 12.00 debutterà la versione on demand della webTV della Fondazione Arena di Verona con un palinsesto che inaugura con l’indimenticabile serata dei Carmina Burana del 2019 diretti da Ezio Bosso, con i solisti Ruth Iniesta, Raffaele Pe e Mario Cassi, che registrò il record sinfonico delle ultime sei stagioni con 13.555 spettatori e una straordinaria standing ovation. Il concerto, primo dei contenuti premium della nuova e apprezzata piattaforma, sarà disponibile al costo di €9,90 per singolo accesso e resterà disponibile almeno per un anno.

Sempre il 28 novembre alle 16,15 i Carmina Burana saranno trasmessi anche in chiaro, come eccezionale anteprima alla serie di appuntamenti in streaming dal Teatro Filarmonico, esclusivamente per il pubblico del territorio veronese, proprio in virtù della funzione sociale svolta dall’accordo con TeleArena e perfettamente in linea con i valori supportati da Ezio Bosso nella sua attività con l’associazione Mozart14, nota per portare la musica nelle carceri e negli ospedali a conforto delle categorie più svantaggiate.

I proventi derivanti dai diritti dovuti al Maestro Bosso, per volere della famiglia saranno devoluti ad AIAM (Associazione Italiana Attività Musicali - http://www.musicaclassica-aiam.org), associazione che raccoglie cento fra le principali istituzioni italiane della concertistica, dei complessi strumentali, della loro formazione e promozione, al fine di poter sostenere il settore musicale in tutt’Italia, in linea con la filosofia del Maestro Bosso che ha sempre considerato la musica come azione produttiva politica e sociale essenziale per il mantenimento di una comunità unita, solidale, consapevole e collaborativa, vero baluardo contro la disgregazione sociale che la pandemia porta inevitabilmente con sé.

Il Sovrintendente e Direttore Artistico Cecilia Gasdia così esprime la responsabilità e l’impegno del mondo della cultura: «In questi lunghissimi dieci mesi che abbiamo vissuto dalla prima chiusura dei teatri ad oggi, la nostra preoccupazione più grande è stata soprattutto la tutela del lavoro dei dipendenti di Fondazione, la serenità dei nostri artisti e il mantenimento del rapporto con il nostro pubblico, perché il patrimonio vero di Fondazione Arena non fosse disperso, consapevoli della nostra responsabilità di traghettare questo patrimonio intonso e migliorato verso il futuro. Ma il proseguire dell’emergenza rende ogni giorno sempre più evidente come il nostro ruolo sociale di operatori culturali, ruolo politico in senso etimologico di ‘cura della cittadinanza’, e il nostro ruolo di servizio pubblico a sollievo della comunità tutta vada sempre più rafforzato, perché questa pandemia ha bisogno di coesione sociale e la coesione sociale passa - anche e soprattutto - dalla cultura, dal teatro, dall’arte performata e viva, come ci ricordava sempre l’amico Ezio. Stiamo lavorando in questa direzione insieme alla nostra comunità, insieme a partner che come noi credono in questi principi di responsabilità, solidarietà e identità culturale condivisa».

Ezio Bosso, come spesso ricorda Cecilia Gasdia, è stato un amico non solo personale, ma di tutta Fondazione Arena e proprio insieme a lui che è nata l’idea del palcoscenico centrale che si è tradotta nel Festival d’estate 2020: era quindi più che mai doveroso questo omaggio e il ricordo carico di affetto.

«Parto da Verona con uno dei vuoti più pieni della mia vita. Grazie Cecilia, parto senza partire, e aspetto. Mai come in questo momento penso alla frase che dico: la vita è una musica meravigliosa, la musica è una vita meravigliosa. È un pezzo di vita che resta con me e qui…»

«La scelta della famiglia del Maestro Ezio Bosso» ha dichiarato il Presidente AIAM Francescantonio Pollice «ci commuove per la generosità dell’atto e onora per la scelta a favore della nostra associazione. Gli obiettivi AIAM di promozione e diffusione della cultura musicale su tutto il territorio nazionale, coincidono, con l’impegno di Ezio Bosso, autore e interprete non limitato alla valorizzazione del suo essere in sé ma capace di guardare oltre in una dimensione collettiva positivamente rigenerante. La sua azione militante a favore della diffusione della musica è in profonda affinità d’intenti con quella dell’associazione».

«Nei momenti di difficoltà come quello che stiamo vivendo» afferma Tommaso Bosso «dove dubbi e paure sono quotidiane, la capacità di adattamento dell'essere umano è una caratteristica chiave a cui fare affidamento per permetterci di trovare strade alternative. I musicisti, le orchestre ed i teatri stanno dando oggi dimostrazione di questa straordinaria dote evolvendosi e re-inventandosi, seppur temporaneamente, per far fronte ad una realtà complessa come quella attuale. L'iniziativa promossa dalla Fondazione e dalla dott.ssa Gasdia è un importante gesto affinché la musica possa continuare a suonare ma soprattutto supportare un comparto lavorativo che soffre tanto e che, purtroppo, viene facilmente dimenticato. Siamo felici ed onorati che questo processo passi anche dall'indimenticabile concerto dell'11 agosto 2019, ma siamo ancor più contenti che quel momento possa in parte contribuire ad un piccolo aiuto, nella volontà comune che la musica torni nel suo luogo naturale: i teatri e le arene».

Il palinsesto della nuova webTV, realizzata con il contributo di Unicredit, ogni mese sarà arricchito da un titolo del grande repertorio areniano. In programma, per il 2021, anche l’inserimento di nuovi contenuti: il dietro le quinte della straordinaria e complessa macchina areniana, i racconti dei protagonisti, le curiosità del palcoscenico sotto le stelle più emozionante al mondo

 

11 agosto 2019

Carmina Burana

Musica di Carl Orff

Direttore Ezio Bosso

Soprano                               Ruth Iniesta

Controtenore                   Raffaele Pe

Baritono                              Mario Cassi

 

ORCHESTRA E CORO DELL’ARENA DI VERONA

Maestro del Coro Vito Lombardi

Coro di Voci bianche A.d’A.MUS.

diretto da Marco Tonini

Coro di Voci bianche A.LI.VE.

diretto da Paolo Facincani

Luci Paolo Mazzon

 Informazioni

Ufficio Stampa Fondazione Arena di Verona

Via Roma 7/D, 37121 Verona

tel. (+39) 045 805.1861-1905-1891

[email protected] - www.arena.it

                                     

Press and Media Advisor Alessia Capelletti con Marina Nocilla

[email protected]

Tel. +39 347 5801910 / Tel. +39 338 7172263

02.11.2020 | Comunicato Stampa AIAM - 31 ottobre 2020

Giovedì 29 ottobre si è tenuto, in video conferenza, il Consiglio Direttivo, unitamente al Collegio dei Revisori dell'AIAM, (Associazione Italiana Attività Musicali) cui hanno partecipato anche alcuni rappresentanti delle principali società concertistiche italiane.

Nel corso della riunione è emerso unanimemente il positivo giudizio sull’operato del governo e del parlamento in ordine all’estensione dei benefici dell’art Bonus anche alle società concertistiche e ai complessi strumentali, alla conferma che il MiBACT erogherà per l’esercizio 2020 il medesimo contributo assegnato nel 2019 e, più in generale, alle azioni di ristoro previste per il settore dello spettacolo dal vivo.

Riguardo alle chiusure degli spazi, il Consiglio Direttivo auspica che, passate le attuali difficili condizioni, tutti i luoghi della cultura, senza alcuna distinzione, nel pieno rispetto della salute pubblica e delle normative emanate possano essere presto riaperti per consentire lo svolgimento dell’attività concertistica dal vivo.

Nella riunione si è sottolineato che AIAM debba predisporre una campagna di comunicazione volta ad assicurare maggiore visibilità al settore e, contestualmente, elaborare proposte che contribuiscano alla definizione di una piattaforma di idee, utile strumento di confronto per l’auspicata concertazione in ordine alla redazione del prossimo decreto 2022-24, atteso che il 2021 permarranno le difficoltà e le incertezze derivanti dall’emergenza COVID 19.

Su proposta del Presidente i presenti hanno approvato la seguente raccomandazione:

AIAM non è indifferente rispetto alle difficoltà di tutto il personale artistico dagli interpreti ai tecnici, dal personale di sala e ai collaboratori che non hanno le coperture economiche, assicurative e previdenziali derivanti da un impiego a tempo indeterminato. A loro una solidarietà non formale da concretizzarsi nella garanzia che tutti i concerti programmati e non tenuti a causa della pandemia saranno ri-programamti non appena le condizioni lo consentiranno e che si proceda senza indugio alla liquidazione delle prestazioni dei tanti artisti che, pur avendo svolto attività nell’ultimo anno, da tempo attendono di essere pagati.

AIAM è consapevole delle difficoltà in cui versano le istituzioni musicali ma è fiduciosa che, ove possibile, questa raccomandazione non verrà ignorata.

 

Roma, 31 ottobre 2020

11.05.2020 | AIAM e AGIS per gli artisti italiani



AIAM e AGIS per gli artisti italiani

 


Roma - Il Consiglio Direttivo dell’AIAM (Associazione Italiana Attività Musicali), riunito in call conference congiuntamente con il Collegio dei Revisori lo scorso 8 maggio, ha approvato all’unanimità, su proposta del Presidente Francescantonio Pollice, l’invito ai propri associati (83 istituzioni musicali tra le più rappresentative del settore che, su tutto il territorio nazionale, promuovono, attraverso società concertistiche, orchestre, festivals anche Jazz, corsi, concorsi, enti di promozione, la cultura musicale nel nostro paese) di sostenere gli artisti italiani in questa difficile congiuntura causata dall’epidemia.

La scelta dell’AIAM - condivisa e fatta propria dal Presidente dell’AGIS Carlo Fontana - intende contribuire a favorire occasioni di lavoro per gli artisti italiani giovani e meno giovani attraverso inviti nelle proprie stagioni che si auspica possano, nel rispetto delle prescrizioni stabilite dal Governo, essere al più presto riprese.

AIAM ha apprezzato le dichiarazioni del Ministro Dario Franceschini rese nell’informativa mercoledì e giovedì scorso rispettivamente al Senato e alla Camera in particolare quelle relative al fatto che nessun soggetto, nessun artista, nessun musicista, anche il più indifeso, verrà lasciato solo in questo attraversamento del deserto”.

Anche per questo AIAM intende fare la propria parte sollecitando i propri soci a tenere nella giusta considerazione, gli artisti italiani nella non facile riprogrammazione dei propri calendari.

AIAM da sempre ha incentivato e sollecitato la circolazione in Italia di qualificati artisti e complessi internazionali, ma in questo momento è importante assicurare agli artisti italiani reddito e far sì che congiuntamente i mondi della produzione, della distribuzione e della fruizione cooperino insieme per contribuire al grande sforzo collettivo che ci attende per la rinascita culturale del sistema Italia.

AIAM intende rivolgere il proprio ringraziamento non formale alla Fondazione Luigi Bon del Friuli Venezia-Giulia che ha presentato la proposta, elaborato l’hashtag #ARTISTITALIANI e messo a disposizione gratuitamente il logo dell’iniziativa da posizionare sul materiale di comunicazione predisposto dai soci aderenti al progetto.

L’augurio e l’auspicio dell’associazione è che molti musicisti italiani possano essere coinvolti nelle riprogrammazioni dei prossimi mesi e che il pubblico, con fiducia, possa ritornare a fruire i concerti dal vivo.

 

Roma, 11 maggio 2020

08.05.2020 | QUOTA SOCIALE AIAM 2020

Nell'ultima riunione del Consiglio Direttivo e del Collegio dei Revisori che ha avuto luogo in call conference l’8 maggio 2020 all’unanimità  si è deliberato di confermare anche per il 2020 la quota sociale di € 250,00
Il pagamento potrà avvenire attraverso bonifico bancario da versarsi sul conto dell'associazione, tramite il codice IBAN che sarà trasmesso  via e mail.

8 maggio 2020

Utility

Newsletter

invia

Inviando acconsento al trattamento dei miei dati personali
(ai sensi della legge 675/96 e succ. modif.)